iconEachTime Wall iconSocial Wall iconEventi

Hackathon 4.0: idee digitali per un’industria innovativa

Venerdì 11 e Sabato 12 Novembre 2016 si è svolto l’Hackathon 4.0! presso l’Hotel Excelsior “La Fonte” di Portonovo, ad Ancona. L’evento è stato realizzato nell’ambito del progetto europeo Hives, per promuovere lo sviluppo di soluzioni digitali innovative collegate alla strategia dell’industria 4.0 e al rilancio della manifattura del territorio. Un’iniziativa rivolta a tutti coloro che vogliono ideare e sviluppare soluzioni innovative.

HIVES Project è un progetto europeo che attualmente conta 9 partner, sia italiani che stranieri, tra cui la Regione Marche e l’Università Politecnica delle Marche. Hives Project si pone come obiettivo quello di stabilire un polo di innovazione Adriatico per facilitare la collaborazione all’interno dell’area adriatico-ionica aggregando la ricerca economica a quella istituzionale per stimolare la comunità, con l’intento di supportare l’evoluzione dell’area adriatica nella trasformazione di un ecosistema intelligente, incrementare le capacità di ricerca ed innovazione e favorire le lo sviluppo delle PMI.

Una ventina di ragazzi, tra cui i componenti di ArToo Campus, il campus di Web & Mobile App di Sida Group, si sono riuniti in team di lavoro e hanno afferrato la loro chance di essere innovatori mettendosi in gioco per dar vita alle loro idee!  24 ore di programmazione consecutive per ideare e sviluppare soluzioni per l’ottimizzazione dei processi in fabbrica e rivoluzionare le piccole e medio imprese tradizionali, utilizzando tecnologie innovative, hardware e codice, seguendo le 3 macro-categorie di progettazione: Stampa 3D, App e IoT.

I ragazzi sono stati accolti con le parole del Dott. Mirko Giovinazzi, in rappresentanza di WeBox Studio e docente di Artoo Campus e del Dott. Stefano Ottaviani, fondatore di DevMarche. Un’impronta significativa per l’evento è arrivata dalla Regione Marche, rappresentata dal Dott. Antonio Secchi e dalla Dott.ssa Patrizia Sopranzi, dirigente del settore Innovazione, che ha saputo motivare al meglio i partecipanti con le sue parole: «Ci aspettiamo da voi delle soluzioni innovative che aiutino la nostra manifattura a diventare sempre più creativa grazie all’utilizzo di nuove tecnologie».

Ragazzi dell'hackathon

Ad offrire un grande supporto durante l’Hackathon sono stati: la community di sviluppatori marchigiani DevMarche, le startup Rinoteca e WeBox Studio -incubate da The Hive– e Brain&Bytes dando la possibilità ai partecipanti di utilizzare tecnologie innovative, hardware e codice come Arduino, Raspberry Pi e stampanti 3D.

Una volta presentati i temi di lavoro e creati i gruppi, i ragazzi si sono buttati a capofitto nell’ideazione e nella realizzazione di idee pratiche ed innovative per valorizzare l’industria 4.0 in un mondo altamente tecnologico. L’Hackathon, della durata di 24h, è iniziato venerdì mattina ed è proseguito per tutta la notte fino al mattino di sabato con l’esposizione dei progetti e la successiva premiazione.

Terminato il tempo utile per la concretizzazione delle idee, i ragazzi hanno presentato le loro innovazioni affrontando la giuria composta da Diego Guidi, senior software developer, Antonio Secchi, funzionario PF Innovazione Regione Marche, Enrico Battistelli, amministratore e fondatore di BP Cube e  Floriano Bonfigli, business developer di The Hive.

Il gruppo N.E.A. ha scelto di affrontare il settore agroalimentare ideando una piattaforma rivolta ai piccoli agricoltori in grado di incrementare il valore dell’agricoltura innovativa. Un progetto completamente green con un dispositivo in grado di consigliare al contadino 2.0 cosa piantare.

Worker T.M. invece propone “Worker” il progetto a supporto degli operai grazie all’intelligenza artificiale, portando l’innovazione in tutte le aree aziendali.

Il team di WeBox Studio ha trovato l’innovazione per il supporto delle PMI attraverso la gestione automatica degli ordini. I ragazzi hanno scelto di sviluppare un’App che offre la possibilità di integrare nelle aziende la gestione intelligente e il monitoraggio delle risorse in magazzino.

I ragazzi del gruppo Persona: evolved hanno proposto un’app per gestire le risorse e coadiuvare la produttività, sfruttando però la tecnologia come servizio utile all’individuo.

Il gruppo <D.I.V> affronta il tema della Cyber security ideando “Track id” per innovare il sistema di controllo degli accessi nel settore terziario, ad esempio contro lo spionaggio industriale.

Il team ADA, ha sviluppato la sua idea sul controllo in tempo reale della produzione di un’azienda con un dispositivo portatile che permette l’analisi della produzione e per rilevare i dati aziendali e confrontarli con i costi grazie alle tecnologie RFid Control e Arduino.

Ultimate le presentazioni la commissione si è riunita per valutare tutti i progetti seguendo i  criteri di: Composizione del team, Definizione del problema, Livello di esecuzione e Bontà espositiva.

A sorprendere i giurati è stato il  gruppo ADA che si aggiudica la medaglia d’oro e un Hardware. Il team N.E.A si aggiudica la medaglia d’argento e un buono per i percorsi formativi della Management Academy Sida Group, mentre <D.I.V> si aggiudica la medaglia di bronzo e un buono Amazon.

I ragazzi dopo le 24 ore trascorse insieme, lasciano la location dell’Hackathon con conoscenze più approfondite e con la consapevolezza di essersi messi in gioco per crescere professionalmente e dar vita alle loro idee a sostegno di una regione come le Marche.

Categorie:   Impresa

Commenti