iconEachTime Wall iconSocial Wall iconEventi

“ADRISTARTER”: è arrivata la disruptive innovation nel settore dei trasporti intelligenti

Mercoledì 23 novembre, a Portonovo (Ancona), presso l’Hotel Excelsior “La Fonte” si è tenuto il seminario di Innovation Brokering “La politica del trasporto pubblico per UE, Italia e Regioni: il ruolo dell’ICT nella riorganizzazione di servizi e sistemi di trasporto intelligenti”. É stata una giornata di approfondimento sulle novità del trasporto pubblico nella macroregione Adriatico-Ionica, organizzata per il progetto “ADRISTARTER – Advanced Development of macroRegional Infrastructures and Services for Transport and Accessibility of Residents, Tourists and EnteRprises” finanziato nell’ambito del programma comunitario IPA Adriatic CBC 2007-2013.

L’obiettivo generale del progetto ADRISTARTER è il consolidamento di un sistema di trasporti integrato e sostenibile, che passa attraverso lo sviluppo e l’efficientamento delle infrastrutture, di sistemi informativi ICT interoperanti e dei servizi intermodali. Sono partner del progetto: REGIONE ABRUZZO (Italia), in qualità di capofila, REGIONE MARCHE (Italia), INTERPORTO MARCHE (Italia), INFORMEST (Italia), CAMERA DI COMMERCIO DI CHIETI (Italia), AEROPORTO DI MOSTAR (Bosnia-Herzegovina), AUTORITA’ PORTUALE DI PLOC (Croazia).

Ha introdotto il seminario Letizia Casonato, PF Viabilità e Trasporti della Regione Marche illustrando come si sta evolvendo la Regione Marche nel campo dell’infomobilità, dal 70% di autobus monitorati con l’Automatic Vehicle Monitoring (AVM) al sistema di Travel Planner, che permette di programmare gli spostamenti con soluzioni di viaggio confortevoli. Viene posta l’attenzione anche a SISTAG, un sistema informatico che registra le agevolazioni tariffarie per utenti agevolati.

“Il sistema dei trasporti è sempre stata una frontiera che ha posto sfide nella storia” afferma Germana Di Falco, valutatore indipendente Programma IPA ed esperto di politiche d’innovazione UE. Oggi le velocità sono tali che bisogna agire immediatamente e c’è necessità di vedere il futuro nel presente. Le sfide sono ardue, ma l’uomo ha l’infrastruttura tecnologica per affrontarle e il progetto Adristarter vuole dunque dare il suo contributo e questo seminario ne è la dimostrazione.

La parola d’ordine è “smart”: Smart Land, Smart Communities e Smart Region. Si evince dalle parole di Serena Carota, PF Sistemi Informativi e Telematici della Regione Marche.

Adristarter_001

 

Allora come far convergere l’ICT nell’ecosistema dei trasporti? Come cambiare il contesto per poter apportare dei veri cambiamenti?

Diverse realtà aziendali, startup, spin-off e aziende presenti come ospiti della giornata hanno dimostrato come si innova nel presente e che è possibile fare da driver dell’innovazione per i trasporti e la logistica nella prospettiva della macroregione.

Il primo esempio è quello di GreenRouter, presentato da Andrea Fossa, direttore scientifico Osservatorio Contract&Logistics del Politecnico di Milano. La piattaforma intende rendere la misurazione dell’impatto climatico delle filiere logistiche una prassi consolidata non solo per le grandi Aziende, ma anche per le PMI che non sempre dispongono di risorse ed organizzazione sufficientemente strutturate allo scopo.

Successivamente Fabrizio Lanari ha fatto conoscere una realtà aziendale del territorio marchigiano, la Pluservice Srl che propone soluzioni ICT per ottenere la massima redditività, attraverso servizi come My Cicero, una piattaforma che facilita l’utente nell’accesso a svariati servizi di trasporto, in sicurezza e informando in tempo reale l’azienda vettore, che ha modo di gestire i dati per una pianificazione strategica.

Non manca la presenza di una startup legata alla mobilità, Armotia, incubata in The Hive, business accelerator di origine marchigiana. La startup, 100% Made in Italy, si colloca pienamente nella settore della mobilità sostenibile, con il progetto innovativo della prima moto elettrica a due ruote motrici, dotata di un’interfaccia attiva verso il web.

Ha concluso gli interventi della mattinata Alessandro Bogliolo, Docente dell’Università di Urbino che ha presentato il progetto Crowd4Roads, che combina lo smart sensoring con le soluzioni crowd.

Nel pomeriggio altre best practices hanno dimostrato che il territorio si sta muovendo verso l’innovazione. Franco Gazzotti di LEM Reply con l’importanza del servizio di biglietteria elettronica a livello regionale e locale. Carla Teodori di La Tec@ DIgitale ha illustrato una smart community per il sistema dei trasporti che utilizza le modalità tipiche del social network; per la tracciabilità dei veicoli tramite la tecnologia RFID UHF abbiamo avuto l’esempio di Fernando Angeli per LogicWay.

Sonia Massobro di Net4Partners ha presentato il progetto Open City Platform, un’infrastruttura cloud innovativa per abilitare l’interoperabilità dei servizi digitali.

Hanno concluso la giornata le aziende SIGMA Spa per la bigliettazione integrata, E-Lios Srl con le soluzioni tecnologiche per il TPL regionale e Andrea Sergiacomi di Regione Marche, he ha presentato gli algoritmi e soluzioni web per il trasporto sanitario e la localizzazione di ospedali.

Il buon proposito con cui si è concluso il seminario è quello di lavorare insieme, favorire il dialogo tra enti e aziende per agire concretamente e rendere presente il futuro.

Categorie:   Impresa

Commenti